Analisi enzimatica/biochimica di Actinomyces con kit di test commerciali con enfasi sulle specie appena descritte

Nei laboratori di microbiologia clinica, l’identificazione di batteri simili ad Actinomyces può essere molto laboriosa e problematica. Nel presente studio, ci siamo concentrati sui modelli di reattività di 4 kit di test commerciali, RapID ANA II, RapID 32A, RapID CB Plus e BBL Crystal ANR ID, che potrebbero essere utilizzati per una rapida identificazione preliminare degli isolati di Actinomyces appartenenti a Actinomyces appena descritti e specie strettamente imparentate.

Dei 54 ceppi testati, 25 ceppi (46%) sono stati correttamente identificati a livello di genere/gruppo dal sistema BBL Crystal ANR ID, 16 ceppi (30%) da RapID 32 A, 11 ceppi (20%) da RapID CB Plus e 7 ceppi (13%) di RapID ANA II. I problemi principali con questi kit erano dovuti a occasionali deboli reazioni enzimatiche e di fermentazione dello zucchero. In conclusione, la sensibilità e la specificità del substrato cromogenico devono essere migliorate al fine di migliorare l’affidabilità dei risultati dei test di questi kit e il presente database aggiornato al fine di identificare con maggiore precisione Actinomyces appena descritti e specie strettamente correlate.

Sovrapposizione mediata da c-Kit e risultati funzionali e biochimici unici attraverso diverse vie di segnalazione

Un problema critico nella comprensione della segnalazione del recettore tirosina chinasi è il contributo individuale di diverse vie di segnalazione nella regolazione della crescita cellulare, della sopravvivenza e della migrazione. Abbiamo generato un recettore c-Kit funzionalmente e biochimicamente inerte che mancava dei siti di legame per sette vie di segnalazione precoci. Il ripristino dei siti di legame della famiglia Src della chinasi (SFK) nel recettore c-Kit mutato ha ripristinato la sopravvivenza e la migrazione cellulare ma ha salvato solo parzialmente la proliferazione ed è stato associato al salvataggio della chinasi della proteina attivata da Ras / mitogeno, della chinasi Rac / JNK e del fosfatidilinositolo 3-chinasi (chinasi PI-3) / vie Akt.

Al contrario, il ripristino del sito di legame della chinasi PI-3 nel recettore mutato non ha influenzato la proliferazione cellulare ma ha comportato una modesta correzione nella sopravvivenza e migrazione cellulare, nonostante un completo salvataggio nell’attivazione della via della chinasi PI-3 / Akt. Sorprendentemente, il ripristino dei siti di legame per Grb2, Grb7 o fosfolipasi C-gamma non ha avuto alcun effetto sulla crescita cellulare o sulla sopravvivenza, sulla migrazione o sull’attivazione di nessuna delle vie di segnalazione a valle. Questi risultati sostengono che gli SFK svolgono un ruolo unico nel controllo di molteplici funzioni cellulari e nell’attivazione di percorsi biochimici distinti tramite c-Kit.

 

Functional and biochemical consequences of abrogating the activation of multiple diverse early signaling pathways in Kit. Role for Src kinase pathway in Kit-induced cooperation with erythropoietin receptor

Kit receptor tyrosine kinase and erythropoietin receptor (Epo-R) cooperate in regulating blood cell development. Mice that lack the expression of Kit or Epo-R die in utero of severe anemia. Stimulation of Kit by its ligand, stem cell factor activates several distinct early signaling pathways, including phospholipase C gamma, phosphatidylinositol 3-kinase, Src kinase, Grb2, and Grb7. The role of these pathways in Kit-induced growth, proliferation, or cooperation with Epo-R is not known. We demonstrate that inactivation of any one of these early signaling pathways in Kit significantly impairs growth and proliferation. However, inactivation of the Src pathway demonstrated the most profound defect.
Combined stimulation with Epo also resulted in impaired cooperation between Src-defective Kit mutant and Epo-R and, to a lesser extent, with Kit mutants defective in the activation of phosphatidylinositol 3-kinase or Grb2. The impaired cooperation between the Src-defective Kit mutant and Epo-R was associated with reduced transphosphorylation of Epo-R and expression of c-Myc. Remarkably, restoration of only the Src pathway in a Kit receptor defective in the activation of all early signaling pathways demonstrated a 50% correction in proliferation in response to Kit stimulation and completely restored the cooperation with Epo-R. These data demonstrate an essential role for Src pathway in regulating growth, proliferation, and cooperation with Epo-R downstream from Kit.

Misurazione del ligando del KIT/fattore delle cellule staminali: significato clinico e biochimico

 

Il fattore delle cellule staminali (SCF) e il suo recettore KIT svolgono un ruolo importante in varie fasi biologiche, come l’emopoiesi, la riproduzione e la rigenerazione. È stato possibile misurare sia l’SCF solubile che il KIT solubile utilizzando il test di immunoassorbimento enzimatico dal 1993 e dal 1995, rispettivamente. Sebbene il significato dell’interazione dell’SCF solubile con il KIT solubile non sia stato ancora chiarito, in alcune malattie le proteine fluttuano nei sieri umani.
Abbiamo scoperto che i livelli sierici di SCF erano cinque volte più alti nei pazienti con insufficienza renale cronica rispetto ai livelli nei controlli sani. Esaminiamo i risultati dell’analisi di SCF. Inoltre, vengono discussi i possibili meccanismi patologici in varie anomalie cliniche e il potenziale clinico per SCF umano ricombinante.

L’uso del kit Epitest clinico biochimico nei bambini con epilessia

 

Sono stati esaminati 57 bambini di età compresa tra 3-15 anni: bambini con epilessia (n = 26), bambini con sindrome epilettica (n = 16) e bambini con altre patologie neurologiche (n = 15). Il gruppo di controllo includeva 25 bambini sani. L’efficienza diagnostica del test epilettico è stata studiata sulla base della rilevazione di autoanticorpi (aAb) verso il recettore del glutammato di tipo AMPA nel siero sanguigno dei pazienti. È stato dimostrato che i bambini con epilessia avevano livelli elevati di aAb per i recettori AMPA nel sangue rispetto a quelli dei bambini sani. Il livello di aAb sui recettori AMPA era correlato alla gravità della malattia e alla localizzazione del focolaio epilettico. Gli autori raccomandano “Epitest” come strumento biochimico aggiuntivo per la diagnosi differenziale dell’epilessia infantile.

Verso un sistema di laboratorio virtuale per l’ingegneria metabolica: sviluppo di un kit di strumenti per l’analisi di sistemi di ingegneria biochimica (BEST-KIT)

 

BEST-KIT è un “kit di strumenti di analisi del sistema di ingegneria biochimica” efficiente e di facile utilizzo integrato con i seguenti moduli chiave: 1) modellazione matematica e modifica dello schema di reazione, 2) derivazione automatica di equazioni differenziali, 3) calcolo numerico, 4) l’ottimizzazione non lineare, 5) la visualizzazione, 6) recuperare le informazioni sul meccanismo di reazione e parametri cinetici dal data-base delle vie metaboliche. Si presume che gli utenti di questo simulatore non abbiano familiarità con la tecnologia informatica e con la programmazione di computer. L’interfaccia integrata (versione UNIX) è basata su Xlib, XToolkit e OSF/Motif Widget.

Confronto tra un kit biochimico commerciale e una sonda oligonucleotidica per l’identificazione di isolati ambientali di Vibrio vulnificus

Sono stati valutati i metodi per l’identificazione e l’isolamento di isolati ambientali di Vibrio vulnificus. Acqua peptonata alcalina integrata con polimixina B e agar colistina-polimixina B-cellobiosio sono stati impiegati per l’isolamento di V. vulnificus sospetto da campioni di acqua, sedimenti e crostacei. Confrontando l’identificazione del presunto V. vulnificus ottenuta con il test API 20E e una sonda oligonucleotidica, sono stati ottenuti 29 profili API 20E con solo quattro profili (che rappresentano 20 isolati) che hanno raggiunto la soglia di identificazione di V. vulnificus su un totale di 66 isolati che ibridano con la sonda. I risultati hanno indicato che, rispetto all’ibridazione delle colonie, il test API 20E non era adeguato per l’identificazione di isolati ambientali di V. vulnificus.

BSA Standard kits

TBS5002 Tribioscience 7x 1ml 45 EUR

Tricorn Filter Kits

TFK-013C Creative BioMart each 320 EUR

Blocking Buffer and Antibody Diluent for Dot Blot and Western Blot Kits

WB-B003 PHOENIX PEPTIDE 50 ml 66.96 EUR

TBST, pH7.6 - Buffer for Dot Blot and Western Blot Kits

WB-B001 PHOENIX PEPTIDE 100 ml 25.92 EUR

TBS, pH7.6 - Buffer for Dot Blot and Western Blot Kits

WB-B002 PHOENIX PEPTIDE 50 ml 18.36 EUR

Detection Reagent A for Dot Blot and Western Blot Kits

WB-B006 PHOENIX PEPTIDE 30 ml 86.4 EUR

Detection Reagent B for Dot Blot and Western Blot Kits

WB-B007 PHOENIX PEPTIDE 30 ml 86.4 EUR

Basic Cytotoxicity Test Kits

CT17001 Neuromics 125 Tests 490.8 EUR

Basic Cytotoxicity Test Kits

CT17002 Neuromics 250 Tests 780 EUR

Total Cytotoxicity Test Kits

CT17003 Neuromics 125 Tests 615.6 EUR

Total Cytotoxicity Test Kits

CT17004 Neuromics 250 Tests 975.6 EUR

EdU Imaging Kits (HF488)

K2240-50 ApexBio 50-500tests 240 EUR

EdU Imaging Kits (HF594)

K2243-50 ApexBio 50-500tests 240 EUR

Gel Filtration Calibration Kits

Ge-474C Creative BioMart 1 Kit 1704 EUR

T&A Cloning Kits

FYC001-20P Yeastern Biotech 1 vial Ask for price

Necrosis vs Apoptosis Kits

KF17371 Neuromics 50-100 Tests 522 EUR

Necrosis vs Apoptosis Kits

KF17372 Neuromics 100-200 Tests 921.6 EUR

EdU Imaging Kits (Cy3)

K1075-50 ApexBio 50-500 tests 240 EUR

EdU Imaging Kits (Cy5)

K1076-50 ApexBio 50-500 tests 240 EUR

EdU Imaging Kits (488)

K1175-50 ApexBio 50-500 tests 240 EUR

Uncoated Ancillary Reagent Kits

RK04587 Abclonal 20Plates 280 EUR

DMSO, Molecular Biology Grade

40470006-1 Glycomatrix 100 mL 88.18 EUR

DMSO, Molecular Biology Grade

40470006-2 Glycomatrix 250 mL 150.19 EUR

DMSO, Molecular Biology Grade

40470006-3 Glycomatrix 500 mL 279.26 EUR

EGTA, Molecular Biology Grade

40500028-2 Glycomatrix 50 g 106.43 EUR

 

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *